Lunedì 15 Luglio 2024

  • 245
  • 3 minuti
  • 21/6/2024

Il ruolo delle Università nel processo di internazionalizzazione della formazione

Il contesto internazionale sta mutando profondamente e provoca cambiamenti rilevanti anche nelle concezioni e nelle opinioni del modo con cui la formazione può contribuire allo sviluppo economico e sociale dei Paesi europei. Sicuramente tale fenomeno rende la formazione sempre più internazionalizzata e comprende una serie di dibattiti relativi ai processi e ai compiti della formazione. A cura di Alessia Paglia, Orientatrice Asnor.

I fattori che garantiscono l’internazionalizzazione della formazione continua

Le riflessioni e le modalità di azione per favorire questo fenomeno epocale di internazionalizzazione della formazione continua devono concentrarsi, senza trascurare nulla, su una serie di elementi: sugli interessi dei singoli gruppi o istituti e governi; sulle esigenze e sulle storie personali dei singoli ricercatori; sui differenti punti di vista scientifici e culturali; sulle differenti prospettive di sviluppo economico e istituzionale.

Tutto ciò per un obiettivo comune: favorire la formazione dei talenti come sviluppo strategico di risorse su scala mondiale.

Webinar - Bilancio di competenze con metodo Retravailler

Lo stretto legame tra formazione continua e politiche sociali (nazionali e internazionali)

Cosa bisogna fare per progredire nel processo di internazionalizzazione della formazione continua in età adulta, mediante l’attuazione della riforma educativa e affinché vi possa esserci una sinergia tra formazione e politiche sociali?

La risposta è:

  1. analisi dei sistemi scolastici e crescente visibilità della loro utilità sociale;
  2. studio, proporzione e progettazione di politiche a sviluppo ecosistemico dei servizi formativi, affinché il loro recupero di efficienza corrisponda a risposte vissute come efficaci dalle imprese e dai singoli;
  3. analisi dei processi di diversificazione delle fonti di finanziamento dell’istruzione e della formazione, nella prospettiva che persone e aziende tornino a essere parimenti responsabili tanto dei costi quanto dei relativi benefici;
  4. produzione, sperimentazione e diffusione dei modelli e dei paradigmi di una rinnovata cultura scolastica, nella quale la ricerca didattica non sia slegata dall’aggiornamento delle nuove enciclopedie dei saperi e delle esperienze professionali.

Corsi di aggiornamento - Promo 2

L’impegno delle Università

Lo stesso sistema universitario e accademico va progressivamente rivisitando la concezione tradizionale della conoscenza, attribuendo una vocazione universale e internazionale alla formazione e alla cultura in genere. In che modo?

  1. Offrendo una maggior mobilità competitiva, non solo strettamente legata alle competenze corrispondenti al proprio ambito professionale, ma anche a quelle culturali e linguistiche.
  2. Promuovendo lo sviluppo di una serie di atteggiamenti sempre più aperti al dialogo e al confronto, assieme alla necessità di eccellere nel proprio dominio, in corrispondenza della propria sede e del proprio campo di ricerca.
  3. Spostando e focalizzando la propria preoccupazione verso l’efficacia formativa, assicurata agli studenti e agli aspiranti ricercatori.

Abbonamento Asnor - Combo 2 gif

La riforma della cultura educativa

La riforma della cultura educativa, annunciata dall’Università e in via di sviluppo e attuazione, è partita dai curricula.

Quest’ultimi ambivano a trasmettere agli studenti e ai ricercatori una conoscenza limitata alle strutture logiche, normative, conoscitive, sintattiche delle discipline e una competenza accademica di base.

Oggi, invece, si impegnano a insegnare a:

  • pensare in autonomia;
  • risolvere i problemi;
  • possedere una comprensione profonda dei programmi di ricerca.

Orientativamente, sono questi i programmi e gli obiettivi formativi futuri.

Letture consigliate

  • Baldacci M., Frabboni F., Margiotta U., Longlife/longwide Learning. Per un trattato europeo della formazione, Bruno Mondadori, Milano, 2012;
  • Consorzio Interuniversitario Almalaurea (2011), Tasso di occupazione, disoccupazione e forze lavoro secondo la definizione ISTAT. In: Condizione occupazionale dei laureati. XIII indagine 2010. Report marzo 2001.

Abbonamento Asnor - generico 3

Dott.ssa Alessia Paglia

Dott.ssa Alessia Paglia

Orientatrice Asnor

Scopri Asnor
Collabora con noi, scrivi per l'Orientamento banner articoli

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media