Domenica 3 Luglio 2022

  • 302
  • 3 minuti

Cos'è il Work Life Balance, tra lavoro e vita privata

Quando parliamo di conciliazione tra lavoro e vita privata (work life balance) stiamo parlando soprattutto di equilibrio tra i tempi da dedicare al lavoro e quelli da dedicare alla vita privata e alla famiglia. C’è una cosa, però, di cui molti non parlano: le due sfere, quella lavorativa e quella privata, devono prima trovare un equilibrio interno, diversamente sarà difficile poterle conciliare. A cura di Dario Madeddu, Orientatore Asnor.

 

Cos’è il Work Life Balance

“Ciao Dario, mi chiamo Federica, sono una mamma single e vorrei capire come muovermi nel mondo del lavoro per trovare una posizione che mi permetta allo stesso tempo di lavorare, mantenere mio figlio e riuscire a dedicare la sera a lui. La mattina mi aiutano i miei, l’anno prossimo entrerà all’asilo, ma io sento di voler dedicare una parte della mia giornata a lui e alla sua crescita. Non voglio dover lavorare e basta per poi rientrare e metterlo a letto. Puoi darmi una mano?”.

Lo ammetto, prima di questa richiesta arrivatami via e-mail da parte di Federica, avevo dedicato i miei interventi di orientamento soprattutto a rendere efficaci le persone sul lavoro, ad aiutare gli altri a capire come esprimersi al meglio nel proprio lavoro. Gestire il tempo dedicato al lavoro in modo efficace ed efficiente è una passione che alleno ogni giorno su me stesso. Insegnarlo agli altri è un privilegio che ho da orientatore. Il problema di Federica, però, era differente.

Gestire in maniera efficace il tempo da dedicare al proprio lavoro e gestire allo stesso modo il tempo da dedicare alla propria vita privata non è un problema orientativo, ma sono tanti problemi orientativi e vi spiego perché. Il primo problema orientativo, in una situazione simile riguarda il lavoro. La prima dimensione che ho cercato di investigare è stata proprio questaSe non riusciamo ad essere soddisfatti e felici del lavoro che svolgiamo non riusciremo mai a conciliare la vita privata con il lavoro (work life balance).

Questa affermazione è apparentemente banale, ma racchiude il fulcro del problema. Per conciliare due sfere della nostra vita, lavoro e vita privata, quelle due sfere, prese singolarmente, devono ciascuna possedere un loro equilibrio interno. Diversamente, accadrà che una andrà a sopperire alle mancanze dell’altra divenendo un rifugio. Se il mio lavoro e la mia carriera non mi soddisfacessero, potrei ricercare nella vita privata le soddisfazioni che altrove non trovo.

Affiderò, così, tutte le mie aspettative alla vita privata e lì cercherò realizzazione, trascurando quella che correttamente potrebbe arrivare dalla mia vita professionale. A patto, però, che il lavoro sia solo non soddisfacente. Se, invece, la mia mansione mi genera stress ed ansia, tanto da condurmi a un burnout, io rischio di trovarmi con due sfere fondamentali della mia vita che, piuttosto che conciliarsi, rischiano di sgretolarsi simultaneamente e in modo concatenato.

Il problema funziona anche al contrario. Ecco perché si può parlare di conciliazione del lavoro e della vita privata solo a patto che le due sfere abbiano un loro equilibrio interno.
 

Diventa un professionista dell'orientamento con la IV Edizione del Corso di Alta Formazione
"Consulente esperto nei processi di Orientamento e Career Guidance"

corso_di_alta_formazione_esperto_nei_processi_di_orientamento_e_career_guidance
 

L’aumento delle dimissioni volontarie: the great resignation

Il troppo lavoro genera forte stress, irritabilità, disturbi sonno-veglia, poca concentrazione, la sensazione di mancanza di tempo per fare qualsiasi cosa e difficoltà relazionali. In sostanza, lavorare troppo difficilmente significa lavorare bene ed efficacemente. Anzi, significa rovinare piano piano la sfera lavorativa e quella privata. Al contrario, gravi problemi nella sfera privata possono riversarsi nella vita professionale e disturbarla fino a farla fallire.

Il fenomeno di aumento delle dimissioni volontarie che viene chiamato “the great resignation” e che vede milioni di persone nel mondo abbandonare il proprio posto di lavoro per trovare altro che permetta loro di vivere più serenamente la sfera lavorativa e la sfera privata, non è un problema che va derubricato sotto i diversi cambiamenti sociali che il COVID-19 ha portato. È un fenomeno che fonda le sue basi nei cambiamenti intervenuti nel mondo del lavoro attuale e nella società che oggi viviamo. È un problema sociale che deve essere affrontato molto seriamente. Dietro si porta il senso del lavoro e il senso stesso della nostra vita.

Alcuni aspetti della nostra vita trovano appagamento nel lavoro. Mi riferisco al desiderio di autorealizzazione e alla crescita personale, ad esempio. È assolutamente vero, però, che anche la vita privata può e deve essere una sfera che ci permetta autorealizzazione e crescita personale.

Va da sé, però, che scegliere di non lavorare per dedicarsi solo alla famiglia o scegliere di lavorare talmente intensamente da non avere quasi una vita privata, sono scelte personali che comunque devono darci felicità. E quando si parla di scelte il problema è di fatto un problema orientativo. La scelta non deve mai portarsi dietro una sconfitta, né personale né lavorativa. Un problema orientativo risolto non ammette una soluzione di questo tipo: mi concentro solo sulla vita privata perché il mio lavoro non mi soddisfa e mi accontento di averlo pur di guadagnare ciò che mi occorre per vivere. Un problema orientativo risolto non ammette neppure una scelta a fattori invertiti.

La scelta che è frutto di un problema orientativo risolto, è una scelta felice, cioè una scelta che ci appaga sotto tutti i punti di vista. Diversamente, tornerà ad essere un problema. Accontentarsi non significa scegliere felicemente. Anzi, è esattamente il contrario. Significa solo ed esclusivamente ritirarsi temporaneamente in una zona di comfort dalla quale, prima o poi, per essere davvero felici, vorremo uscire.


 

La ricerca dell’equilibrio tra lavoro e vita privata

Rivedere le proprie priorità di carriera, anche ricercando lavori che possano coniugare meglio il lavoro con il tempo libero, necessita di un lavoro ben impostato sulle nostre scelte e che un orientatore può aiutarci a svolgere. Inoltre, la settimana lavorativa più corta, che qualche Paese ha già adottato, in alcuni casi può essere una soluzione, ma non è la panacea del work life balance. Avere più tempo può essere utile. Bisogna, però, prima scegliere come stare bene sul lavoro e nella vita privata per poi impiegare quel tempo in più nel modo migliore. Diversamente, avremo solo più tempo, ma non avremo trovato l’equilibrio.

Per tornare a Federica, il lavoro che ho dovuto impostare con lei, ha prima di tutto affrontato questi aspetti più profondi, proprio perché il work life balance non è solo questione di tempo. Non è solo questione di settimana lavorativa più corta. Può apparire tale, ma in realtà parte da qualcosa di più profondo. È lì che prima un orientatore deve investigare. Solo se l’orientatore trova davvero risolte le due sfere, allora può dedicarsi a formare il suo allievo/cliente su come gestire meglio i tempi o aiutarlo a verificare quali forme contrattuali può scegliere per permettergli tempi di conciliazione migliori.
 

Entra anche tu in Asnor.
Scopri recquisiti e vantaggi dell'iscrizione al Registro Orientatori Asnor

registro_orientatori_asnor_iscrizione

In questo articolo si parla di

Dott. Dario Madeddu

Dott. Dario Madeddu

Orientatore Asnor

Collabora con noi, scrivi per l'Orientamento banner articoli

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media