Lunedì 6 Dicembre 2021

  • 756
  • 3 minuti

Ritrovare la dimensione umana del rendimento scolastico

L’ansia da rendimento si manifesta quando non si riesce a distinguere ciò che si è da ciò che si fa. È importante riconoscerla, in un processo educativo di accettazione e fiducia. Approfondimento a cura della dott.ssa Elvira Fraccalvieri, Gestalt Counsellor professionista e Arteterapeuta.

L'ansia da rendimento: cause ed effetti

L’ansia è una emozione che deriva dalla paura, ma a differenza della paura che si attiva quando c’è un fattore oggettivo che minaccia l’incolumità della persona, l’ansia è un pensiero, la fantasia catastrofica di ciò che potrebbe accadere. 
L’ansia può manifestarsi nella vita di una persona in circostanze differenti e per cause molto diverse tra loro, inoltre può essere episodica oppure caratterizzarne ripetutamente la condizione vitale. 

Nello specifico, molti studenti sin dalla scuola primaria sperimentano uno stato più o meno intenso di ansia da rendimento. Questo accade perché la tendenza della maggior parte dei modelli educativi è non distinguere ciò che si è da ciò che si fa, tanto che il voto scolastico viene vissuto e percepito come giudizio alla persona e non come misura del compito svolto. 

Il giovane studente si sente “a posto” solo quando soddisfa le aspettative che gli adulti hanno proiettato su di lui, mentre si sente preoccupato e insicuro quando non le soddisfa appieno. Vivendo nell’idea costante che sarà visto e amato solo in relazione ai suoi risultati, si abituerà a non percepire in sé quel senso di valore umano che ogni persona possiede intrinsecamente.

Questa reificazione dell’amore genera nei bambini e nei ragazzi un alto livello di stress, anche se all’inizio può sembrare che non sia così. Indubbiamente un buon rendimento scolastico dà gioia e soddisfazione a genitori e docenti; il punto è non vivere come assoluto questo obiettivo, badando bene a considerare primari i suoi bisogni affettivi e umani.

Scarica l’e-book gratuito​
“Potenziamento e successo scolastico”

risorsa gratuita asnor

Apprendere con piacere e motivazione

Quando il giovane studente sperimenta questa pressione interna, può chiudersi in sé stesso e rifiutarsi di affrontare la situazione, oppure canalizzare ossessivamente tutte le sue energie nel superamento della prova. Entrambi i casi sono risposte estreme alla fantasia catastrofica di non farcela, quindi il compito viene vissuto come dovere e non come possibilità di crescita e apprendimento.

Cosa possono fare i genitori e i docenti per fare in modo che lo studente abbassi l’ansia da rendimento e ritrovi piacere e motivazione allo studio?

Leggi anche "La visione olistica dell'apprendimento per realizzare il potenziale degli studenti"

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Accettarlo per come è, umanamente ed empaticamente;
  • Trasmettergli fiducia nelle sue capacità e incoraggiarlo per rafforzare la sua autostima;
  • Aumentare la tolleranza all’errore, spiegandogli che sbagliare è utile per imparare e che gli insuccessi 
  • fanno parte del processo di crescita di ogni persona; 
  • Minimizzare la competizione evitando confronti con i suoi amici, fratelli, compagni di classe;
  • Dare più valore all’impegno richiesto e meno al risultato ottenuto;
  • Concordare obiettivi realizzabili, evitando di creare aspettative elevate;
  • Sostenerlo nell’incontrare lo psicologoorientatore o counsellor della scuola; un professionista che possa facilitare il suo processo di conoscenza di sé e rafforzare le sue capacità.

Abbonamento Asnor

abbonamento asnor

In questo articolo si parla di

Dott.ssa Elvira Fraccalvieri

Dott.ssa Elvira Fraccalvieri

Gestalt Counsellor professionista e Arteterapeuta. 

Collabora con noi, scrivi per l'Orientamento banner articoli

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media