Venerdì 25 Giugno 2021

  • 384
  • 4 minuti

La digital transformation e l'impatto sulla ricerca del lavoro

La transizione digitale è diventata oggi un imperativo per aziende e pubbliche amministrazioni e non possiamo viverla come qualcosa di distante da noi o pensarla come una trasformazione che ci porterà tutti a saper utilizzare un computer o uno smartphone. Dietro la digital transformation c’è un concetto rivoluzionario: non comprenderlo o starne fuori ci limita nella ricerca del lavoro. Approfondimento a cura di Dario Madeddu, Orientatore Asnor.

Quando, durante i miei corsi, mi ritrovo a parlare di digital transformation (in italiano trasformazione digitale) parto da una definizione banale, quella più accessibile: parto da Wikipedia.
“L’enciclopedia libera” la definisce così: “[..] indica un insieme di cambiamenti prevalentemente tecnologici, culturali, organizzativi, sociali, creativi e manageriali, associati con le applicazioni di tecnologia digitale, in tutti gli aspetti della società umana. [..]
Il processo di digital transformation o trasformazione digitale è abilitato dallo sviluppo di nuove tecnologie, ma non si limita alla loro adozione, esso integra e coinvolge tutto l’ecosistema toccato dal processo, incentivando la trasparenza, la condivisione e l’inclusione di tutti i partecipanti”.

La trasformazione digitale è prima di tutto pervasiva

Per quanto semplice, la definizione nasconde il vero problema che la trasformazione digitale si porta dietro: nessuno è escluso. Una volta che il processo di rivoluzione inizia a diffondersi, se stai fuori da quel sistema non hai più accesso a niente, neppure al lavoro. 
Vale la pena, però, soffermarsi su questo semplice concetto perché non è banale. 
Trasformazione digitale non significa utilizzare le tecnologie per erogare alcuni servizi o produrre alcune cose o semplicemente per comunicare utilizzando gli strumenti digitali. 

Un’azienda che si trasforma in digitale non può pensare che basti un sito web unito a canali social. Deve pensare che per trasformarsi occorra convertire in operazioni, previsioni e decisioni tutti i dati che passano attraverso quei canali. 

Vado un po’ sul tecnico. Immaginiamoci un’azienda che si trasforma digitalmente: utilizza tecnologie abilitanti come gli ERP (Enterprise resource planning) di seconda generazione, opera all’interno di un sistema dove tutti i dati provenienti da qualsiasi livello sono in grado di fornire informazioni utili per gestire il quotidiano e fare previsioni sull’andamento futuro delle attività. 

Qui arriva il problema che ci ha evidenziato poco sopra la definizione: cosa succede, però, a questa azienda che si è trasformata digitalmente se le altre aziende con cui opera per ricevere le materie prime o distribuire i suoi prodotti o servizi non operano digitalmente e non comunicano con i suoi sistemi? 

Succede che quella azienda ha investito in tecnologie e in trasformazione digitale, ma i risultati che sperava di ottenere rimarranno più sulla carta e nelle intenzioni perché il contesto intorno a lei non si è trasformato e integrato con il suo. Trovando utilità nella sua trasformazione, spingerà i suoi fornitori, i suoi distributori e i suoi clienti a trasformarsi, altrimenti il suo investimento in digitale renderà la metà (se tutto va bene).

Cosa c’entra tutto ciò con la ricerca del lavoro?

La domanda potrebbe essere lecita, ma lo ripeto: la digital transformation è pervasiva, richiede una rivoluzione di sistema e nessuno può restarne fuori. 
Accade, così, che in un mondo che si trasforma in digitale, anche chi è alla ricerca di un lavoro o di una crescita professionale debba trasformarsi digitalmente. Se non lo fa, rischia di non trovare lavoro. Se lo ha già e non si aggiorna, sarà soppiantato dalla tecnologia (che si aggiorna continuamente e si diffonde sempre di più ad ogni livello). Potrebbe anche capitare che a lungo andare le aziende preferiranno a lui gli altri che sono già “digitalmente trasformati”. A questo punto ci sono alcune riflessioni da fare e che vanno ad impattare sia sulla ricerca del lavoro che sul lavoro stesso.

La storia del pizzaiolo che fu costretto a imparare a usare il PC

In una consulenza svolta un po’ di tempo fa, un ragazzo che fa il pizzaiolo mi chiese di aiutarlo a rivedere il suo CV e di spiegargli perché veniva scartato nonostante la sua esperienza. Capii che aveva dimenticato di inserire nel suo CV le sue competenze informatiche e digitali.

Quando glielo evidenziai mi disse: “Io devo fare le pizze, per cosa mi serve saper usare il PC?”.

Gli risposi: “Hai inviato il tuo CV in pizzerie da asporto che operano nella zona e che utilizzano un sistema digitale di gestione delle ordinazioni”. Lui, sorpreso, mi chiese: “E tu come fai a saperlo?”. “Semplice – gli risposi – ordino la pizza da loro e ogni volta che chiamo mi chiedono solo “Quali pizze vuole signor Madeddu?”.

Come spesso avviene durante l’orientamento, M. è arrivato pensando di avere un problema e poi ha scoperto che il suo vero bisogno era un altro.

Continuai dicendogli: “Se fai il pizzaiolo oggi, le comande arrivano al PC attraverso i palmari o i sistemi che prendono le ordinazioni e poi gestiscono i pagamenti. Certo, le pizze buone con il forno a legna non le fa un PC, ma tu sei parte di quel sistema e se non sei in grado di capire come funziona, non potrai adattarlo alle tue esigenze o potresti più semplicemente sbagliare le comande perché non le capisci. 

Così avviene in ogni settore e in ogni lavoro. Guardiamoci dal dire: “Io preferisco le cose tradizionali, non voglio imparare a usare il PC”. È un consiglio da orientatore quello che voglio offrirti: apprendi il digitale e impara ad usarlo per semplificarti la vita e per ricercare lavoro più efficacemente”. 

La trasformazione digitale la scegliamo ogni giorno e non possiamo remarle contro

L’informatica e il digitale sono ovunque e il compito primo di un sistema che va verso la digital transformation sarebbe non lasciare nessuno indietro. Questo, però, è un problema che non possiamo trattare qui. Per ciò che ci riguarda la ricerca del lavoro, non dimentichiamoci mai che questa rivoluzione ci comprende tutti e ci richiede competenze in più da apprendere: facciamo lo sforzo di essere pronti ad apprenderle. Remarle contro non ci porterà (un) lavoro!

Ogni giorno, appena ci svegliamo, compiamo un gesto semplice: allunghiamo la mano verso il comodino, prendiamo il nostro smartphone e lo accendiamo. In quel semplice gesto quotidiano si nasconde il senso della digital transformation: siamo noi ad averla scelta, non possiamo pensare di volerne o poterne restare fuori!

In questo articolo si parla di

Dott. Dario Madeddu

Dott. Dario Madeddu

Orientatore Asnor

Collabora con noi, scrivi per l'Orientamento banner articoli

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media