Mercoledì 24 Aprile 2024

  • 426
  • 2 minuti
  • 19/3/2024

Bias dello status quo: il Majin Bu del cambiamento

Conosci Majin Bu? È uno dei nemici più famosi di Goku in Dragon Ball. Quando penso al bias dello status quo, descritto da Daniel Kahneman nel suo “Pensieri lenti e veloci”, mi viene in mente proprio questo personaggio tondo, rosa e morbido: la forma più rassicurante al mondo che, però, nasconde una cattiveria senza precedenti. A cura di Manuela Stefanelli, Communication & Social media manager | Referente CRM | Membro Coordinamento Commerciale in Bcc Basilicata.

Il bias - termine che indica una obliquità, una tendenza - dello status quo porta le persone a preferire una situazione attuale, stabile, rasserenante, rispetto ad altre opzioni sconosciute.

Nello scorso articolo, abbiamo parlato del magico potere derivante dall’attitudine filosofica del paradosso di Socrate: «So di non sapere». Il bias di Majin Bu - il famoso nemico di Goku del cartone animato Dragon Ball - come lo abbiamo ribattezzato, è l’esatto opposto. Se dovessi scegliere un proverbio per rappresentarlo, di certo sarebbe: “Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia e non sa quel che trova”.

In altri termini, scegliere di non esplorare l’ignoto, sebbene possa probabilmente farci sopravvivere, non ci farà senz’altro crescere.

Corso Consulente Esperto - banner interni

Come superare il bias dello status quo sul luogo di lavoro

La prima domanda che devi porti è: voglio essere protagonista del cambiamento o mi sta bene fare il mio e ricevere legittimamente lo stipendio ogni mese?

Se sei discepolo di Socrate, sceglierai di essere un tafano, un elemento portatore di metamorfosi. Certo, se il tuo ruolo è quello di stagista appena arrivato, la tua voce farà più fatica ad emergere, ma non credere che ai top manager vada meglio. Non ti dirò che è facile, e spesso chi prova a cambiare le cose può venire emarginato perché il cambiamento fa sempre paura, a tutti.

Ci passo costantemente anch’io, ed è per questo che voglio condividere la mia esperienza e alcuni passaggi fondamentali che puoi mettere in pratica:

  • fai un passo indietro, ammetti di non sapere;
  • studia e ascolta, comprendi l’ambiente che hai intorno, la gerarchia dei ruoli, le dinamiche fra persone, le opinioni e il pensiero condiviso, il business core dell’azienda e ogni altro possibile driver del cambiamento;
  • armati di strategia, pazienza e costanza;
  • lavora sodo e instaura un dialogo sincero, costruttivo con tutti i colleghi, crea alleanze;
  • non scoraggiarti e non fermarti davanti agli insuccessi, ma usali come occasioni per migliorare ancora.

Conclusioni

Non sempre lo status quo ha effetti negativi, ma può esserlo in situazioni che ci tengono ancorati a dinamiche dannose per il nostro benessere, come le relazioni tossiche anche sul lavoro. Per questo motivo, è molto importante riflettere e rivalutare le nostre decisioni e convinzioni, perché quello che abbiamo scelto tempo fa potrebbe essere completamente sbagliato nelle circostanze di oggi.

Iscrizioni al Registro 2024

In questo articolo si parla di

Dott.ssa Manuela Stefanelli

Dott.ssa Manuela Stefanelli

Communication & Social media manager | Referente CRM | Membro Coordinamento Commerciale in Bcc Basilicata

Scopri Asnor
Collabora con noi, scrivi per l'Orientamento banner articoli

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media