Domenica 4 Dicembre 2022

  • 310
  • 3 minuti

Che cosa significa avere un lavoro appagante e gratificante

In questo nuovo articolo verrà affrontato il tema del lavoro appagante, sia da un punto di vista di orientamento professionale che di coaching umanistico. A cura di Rovena Bronzi, Orientatrice Asnor.

Cos’è il lavoro appagante

Sempre più spesso si parla e si sente parlare di passioni, vocazioni, desiderio di cercare/trovare un lavoro che sia appagante e gratificante, motivo di felicità e auto-realizzazione. Il concetto di per sé può sembrare banale e anche un po’ scontato ma in realtà la mia esperienza mi ha insegnato come non lo è affatto, cosi come non lo è riuscire a trovare delle risposte dentro di noi per poi "trasformarle" in job title e professioni obiettivo.

Ma facciamo prima un passo indietro per introdurre i concetti di virtù e potenzialità.

Le potenzialità principali della persona

Le 29 potenzialità (di cui 5 universali e 24 individuali) sono delle risorse, dei punti di forza, dei valori che ci guidano e ci conducono a relazioni sociali ispirate dal bene. Esse esprimono, realizzano e concretizzano quelle che gli antichi avevano identificato come le “High six”, le 6 virtù principali: audacia, saggezza, temperanza, giustizia, umanità e trascendenza.

Quando tali potenzialità vengono allenate, espresse e valorizzate diventano poteri, competenze e, a specifiche condizioni, addirittura talenti, capaci di orientare le nostre scelte, portare cambiamenti e nuovi stili di vita, oltre che produrre piacere e felicità.

Mentre quando non lo sono, quando sono represse, chiuse in gabbia, diventano spesso la principale fonte di sofferenza, "disordine" e malessere verso il lavoro che svolgiamo.

Le potenzialità della persona e il lavoro appagante

Avere un lavoro appagante e gratificante in questa prospettiva significa avere un lavoro in grado di:

  1. valorizzare, esprimere ed allenare quelle 2/3 potenzialità che più pulsano per essere allenate, espresse e valorizzate e che portano a sofferenza e malessere laddove vengono represse;
  2. esprimere liberamente la propria vocazione (concetto strettamente legato a quello di potenzialità) in uno specifico ambito - campo simbolico;
  3. motivarci intrinsecamente ed estrinsecamente;
  4. tendere ad un’armonia tra motivazioni, potenzialità e valori;
  5. permettere di ragionare in termini di auto-realizzazione nelle 3 sfere, nei 3 desideri che più pulsano in ciascuno di noi: il rapporto con noi stessi, il rapporto con gli altri, il rapporto con le competenze e quindi con il fare, con l’opera.

Non esiste, quindi, una risposta universale alla domanda che cosa significa avere un lavoro appagante e gratificante, ma è sempre altamente soggettivo.

E soprattutto, non esistono universalmente risposte giuste o sbagliate ma solo quell’auto-consapevolezza che ci permette di comprendere e raccontare chi siamo (anche in termini quindi di competenze, limiti e potenzialità), cosa stiamo cercando e dove possiamo arrivare una volta allenate, espresse e valorizzate le nostre potenzialità.

Iscrizioni al Registro 2023

In questo articolo si parla di

Dott.ssa Rovena Bronzi

Dott.ssa Rovena Bronzi

Orientatrice Asnor

Collabora con noi, scrivi per l'Orientamento banner articoli

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media