Lunedì 21 Settembre 2020

  • 647
  • 2 minuti

È italiano uno dei 10 migliori prof. al mondo di innovazione e imprenditorialità

Daniele Manni è il docente salentino finalista agli “Innovation and Entrepreneurship Teaching Excellence Awards”, premi dedicati ai più qualificati docenti di innovazione e imprenditorialità al mondo la cui 6^a edizione si svolgerà in modalità virtuale.

La Conferenza europea sull’innovazione e l’imprenditorialità

ECIE - European Conference on Innovation and Entrepreneurship” è la Conferenza europea sull'innovazione e l'imprenditorialità che si tiene ormai da 15 anni in diversi paesi del mondo.

A questo evento partecipano generalmente oltre 40 paesi che attirano un'interessante combinazione di studiosi accademici, professionisti e individui impegnati in vari aspetti dell'innovazione, dell'insegnamento e della ricerca dell'imprenditorialità.
Quest’anno, per la sua 15^a edizione, la Conferenza europea sull'innovazione e l'imprenditorialità si svolgerà il 17/18 settembre in modalità virtuale, con la collaborazione dell'Università degli Studi Internazionali di Roma (UNINT) e del Presidente della Conferenza, il Prof. Alessandro De Nisco.
Per il sesto anno consecutivo, inoltre, ECIE ospiterà il round finale di “The Innovation & Entrepreneurship Teaching Excellence Awards”, i riconoscimenti ai più qualificati docenti di innovazione e imprenditorialità al mondo.

Un docente italiano tra i finalisti

Tra i finalisti agli “Innovation & Entrepreneurship Teaching Excellence Awards” c’è l’italiano Daniele Manni, docente di informatica e imprenditorialità presso l’istituto “Galilei-Costa-Scarambone” di Lecce. La tecnica didattica che Manni mette in pratica nella sua scuola, valutata in modo molto positivo dalla giuria, è denominata “Learning (entrepreneurship) by doing (startups)”, in italiano: Imparare (l’imprenditorialità) facendo (startup).

L’orientamento a scuola attraverso la piccola imprenditorialità

Daniele Manni orienta e conduce i suoi studenti di 14-18 anni verso l’ideazione e gestione di micro attività economiche, vere e proprie startup (piccole e temporanee attività imprenditoriali progettate per creare un modello di business ripetibile e scalabile) che vengono lanciate sul mercato del lavoro.

Si tratta di iniziative intraprese da studenti under 18 e alcune di esse sono diventate attività di successo. Tra queste vi è, ad esempio, l’associazione “Mabasta”, il movimento anti bullismo, nato dall’idea di un gruppo di giovani studenti, che promuove iniziative, azioni e attività per “prevenire e contrastare ogni forma di bullismo, cyberbullismo, sopraffazione e mancanza di rispetto”. L’associazione, oltre ad aver ricevuto una medaglia dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha vinto due competizioni internazionali, “Open F@b” di Bnp Paribas Cardif e “Best Student Startup” di “Global Startup Awards”.

La didattica di Daniele Manni è a tutti gli effetti un esempio vincente di orientamento a scuola, perché dimostra la centralità del ruolo dell’insegnante nell’accompagnare gli studenti verso le prime scelte di vita.

In questo articolo si parla di

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media