Domenica 9 Agosto 2020

  • 781
  • 4 minuti

Vicini da Casa, la piattaforma virtuale per condividere tempo e competenze

Vicini da Casa è un progetto ideato da Federico Dazzi e Giorgia Morgese e realizzato da Simone Buongiorno. Una piattaforma online dove poter scambiare, attraverso l’organizzazione gratuita di spazi virtuali personali e aperti a tutti, il proprio tempo, le proprie competenze, la professionalità e le passioni.

Vicini da Casa nasce una sera di Marzo 2020 dal terreno arido della quarantena da COVID-19. L’idea è figlia di Federico Dazzi e Giorgia Morgese, psichiatra lui e psicologa lei, ma entrambi psicoterapeuti, e prende forma da una semplice riflessione: la socialità, lo scambio e le relazioni, che in questo momento vengono meno, sono bisogni essenziali dell’essere umano.

I due psicoterapeuti lo sperimentano sulla propria pelle, lo osservano tra i loro affetti più stretti, tra gli amici e colleghi. Si prospetta un periodo di isolamento e di paura, la durata è incerta. Alcuni continuano a lavorare, altri sono barricati in casa da soli, altri ancora, i genitori di bambini piccoli, arrancano chiamati ad un doppio ruolo, tra smart working ed esigenze dei figli. Federico e Giorgia iniziano a sostituire i contatti telefonici con le videochiamate, non solo individuali, ma anche di gruppo. Si organizzano pranzi in famiglia e aperitivi 2.0 e questo sembra in qualche modo mitigare il sentimento di solitudine. Anzi, la sensazione è quella di ritrovare un proprio tempo interno, una vicinanza che il precedente ritmo di vita imponeva continuamente di rimandare all’infinito. Sembra che tra le macerie psichiche della quarantena possa trovare spazio nuova vita. Perché, allora, non condividere con gli altri?

Nasce così l’idea di sviluppare una piattaforma virtuale, uno spazio di condivisione del proprio tempo e delle proprie competenze. La formula è semplice: attraverso la creazione di stanze virtuali, ognuno di noi può condividere le proprie competenze, la propria professionalità, le proprie passioni. Sia chiaro, lo scopo non è quello di erogare contenuti didattici o formativi, di cui il web è già ricco, di intrattenere passivamente o persino anestetizzare il pubblico. L’intento, al contrario, è quello di proporre dei salotti tematici di condivisione orizzontale, dove dare spazio all’altro, dove trascorrere il nostro tempo insieme e imparare cose che non avremmo avuto il tempo o la fantasia di imparare. Uno strumento, insomma, che permetta quella relazione di cui l’essere umano ha bisogno.

Per tradurre l’idea in un progetto operativo, Federico e Giorgia condividono l’iniziativa con l’amico Simone Buongiorno, autore televisivo e content creator. Simone la accoglie con entusiasmo e si appassiona da subito al progetto: partecipa al suo sviluppo con preziosi contributi, si occupa della comunicazione e soprattutto della realizzazione del sito web. Il mosaico si arricchisce così di un terzo indispensabile tassello e l’idea inizia a prendere forma.

La necessità è ora, per cui i tre lavorano insieme ininterrottamente e, in tempi record, Simone realizza la piattaforma, prima con una semplice landing page e successivamente con la costruzione di un sito vero e proprio. È il 19 marzo 2020 e il progetto è finalmente online. L’iniziativa, ça va sans dire, è gratuita e solidale e si diffonde grazie al passaparola.

Iniziano i primi eventi. Corrado e Massimo, entrambi make up artist, mettono a disposizione le proprie competenze sul trucco e propongono eventi tematici di make up che si svolgono nel caos e nel colore della socialità umana. Veronica “la Rana Viola”, esperta di pasticceria inglese, prepara insieme ai partecipanti cake pops e meringhe con ottimi risultati per lo spirito e per la gola. Uno spazio specifico è dedicato ai bambini nell’intento di coinvolgerli in attività allo stesso tempo ludiche e educative, che diano loro modo di ridurre lo stress dell’isolamento e ai genitori uno spazio di decompressione. I due ideatori del progetto si mettono in gioco in prima persona: Federico legge le “Favole della Buonanotte”, scritte da lui, mentre Giorgia, psicoterapeuta dell’età evolutiva, e la collega psicomotricista Chiara propongono eventi per piccoli gruppi di bambini che attraverso il gioco favoriscono lo sviluppo di competenze psichiche, come il riconoscimento delle emozioni, le abilità visuo-percettive e l’attenzione. Perché, è vero, lo scopo primario del progetto è la condivisione, ma senza trascurare la qualità dei contenuti. Si aggiungono proposte di iniziative tra le più disparate: la decorazione floreale, l’educazione ambientale, lo sviluppo dei brevetti, la mindfulness e altre iniziative di psicologia, cui il progetto riserva uno spazio e un’attenzione particolare, visto il background formativo di Federico e Giorgia.

Sì, l’iniziativa è giovane e non ha ancora radici forti, nasce nel silenzio della quarantena, che in silenzio al suo termine potrebbe portarla via con sé. Federico, Giorgia e Simone, però, si augurano che, senza sostituirsi a una socialità ritrovata, possa continuare a garantire e preservare quello spazio di condivisione e di scambio di cui abbiamo e avremo sempre bisogno.

Sito: www.vicinidacasa.com

hashtag: #VICINIDACASA

Articolo a cura di Federico Dazzi

In questo articolo si parla di

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media