Martedì 2 Giugno 2020

  • 348
  • 3 minuti

Generazioni, il programma della Regione Lazio per l'inserimento lavorativo degli over 30

Il progetto Generazioni della Regione Lazio è orientato ai giovani disoccupati over 30. Si sviluppa essenzialmente in due parti. Una prima fase di orientamento lavorativo, propedeutica alla scelta del percorso personale. Una seconda fase di vero e proprio affiancamento, con attività di formazione e ricollocamento nel mondo del lavoro.

Politiche del lavoro per over 30

Le politiche del lavoro sono l’insieme di programmi, misure, iniziative pubbliche orientate a favorire l’occupazione e, in generale, a regolamentare il mercato del lavoro con l’obiettivo di contrastare la disoccupazione. Una di queste è il progetto Generazioni della Regione Lazio, pensato precisamente per favorire l’occupabilità di persone a rischio marginalità. In questo caso, si tratta di giovani over 30 in cerca di un’occupazione. L’obiettivo è creare nuove opportunità lavorative attraverso un percorso di formazione, orientamento e ricollocamento.

Il progetto, che rientra nel Programma operativo investimenti per la crescita e l’occupazione, è cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo e si pone come obiettivo occupazionale la stipulazione di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o di minimo sei mesi, entro i 60 giorni successivi alla conclusione del programma. Oltre a un rapporto di lavoro subordinato, comunque, viene considerata anche la possibilità di avviare un’attività di lavoro autonomo. Questa seconda opzione, che va giustamente incontro alle diverse esigenze dei partecipanti, presuppone ovviamente delle specifiche e differenziate attività di affiancamento e inserimento lavorativo.

Come funziona il programma Generazioni

Generazioni è considerato da molti l’equivalente di Garanzia Giovani per gli over 30. In effetti, l’idea resta quella di realizzare servizi di formazione specialistica finalizzati all’inserimento lavorativo.

Il percorso

Il primo passo è la “firma” di un Contratto di ricollocazione, che viene stipulato tramite un Centro per l’impiego e un soggetto privato accreditato dalla Regione. Questo contratto ha una durata di sei mesi, durante i quali il partecipante viene prima messo in condizione di capire meglio le proprie attitudini e poi accompagnato con una serie di attività. Nello specifico si tratta di:

  • 24 ore di orientamento individuale propedeutico alla scelta del lavoro che si adatta meglio all’esperienza professionale e alle prospettive del partecipante.
  • Un accompagnamento intensivo con attività e metodologie che variano a seconda del tipo di rapporto di lavoro che si sceglie.

Per quanto riguarda l’affiancamento di chi sceglie il lavoro subordinato, dopo l’orientamento il programma offre la possibilità di seguire corsi di formazione, svolgere tirocini (la cui durata è esclusa dai sei mesi del contratto), oltre ad attività più “semplici” come la redazione di una lettera di presentazione e del curriculum vitae. Inoltre, un altro servizio fondamentale è la preparazione (anche psicologica) per i colloqui.

Lo svolgimento del programma cambia invece se ci si orienta verso il percorso orientato al lavoro autonomo. In questo caso, la formazione si concentra logicamente sul know how necessario per aprire un’attività commerciale, dall’accesso al credito, alla ricerca di agevolazioni finanziare, fino ad arrivare a come si elabora un business plan. È previsto inoltre anche un affiancamento nella fase, particolarmente delicata, di avvio della start-up.

Destinatari e modalità di partecipazione

Come accennato sopra, possono partecipare tutte le persone con più di 30 anni che sono residenti nel Lazio e che sono in cerca di occupazione. Il programma è rivolto ai anche i cittadini stranieri che sono in possesso di regolare permesso di soggiorno e che rispettano questi requisiti. Inoltre, tra i destinatari di Generazioni rientrano anche i possessori di Partita Iva, che non hanno effettuato movimentazioni nei 12 mesi precedenti alla richiesta di adesione al progetto. Per l’iscrizione al programma, in ogni caso, bisogna effettuare la richiesta, esclusivamente in via telematica, sulla pagina della Regione Lazio.

Davide Angelilli

Davide Angelilli

Giornalista e SEO copywriter

Iscriviti alla newsletter Per rimanere aggiornato sui nostri corsi, eventi e media