Curriculum creativo e originale, ecco come fare per realizzarlo

Tempo di lettura: 4 minuti

Una breve guida per fare un curriculum creativo, che diventi davvero un biglietto da visita personalizzato e unico. Un cv particolare, infatti, aiuta a colpire l’attenzione, a farsi notare nella massa indistinta di curricula più tradizionali, come il tanto amato e odiato Europass. Con i giusti strumenti online, è possibile realizzare un curriculum originale in poco tempo. È importante, però, seguire poche e semplici regole.

Il curriculum vitae è lo strumento per eccellenza di cui si avvale chi sta cercando lavoro. Tutti, prima o poi, devono farne uno, raccontando in poche pagine la propria formazione e la propria esperienza lavorativa. Nella maggior parte dei casi, la creazione di un cv si risolve in un noioso elenco di studi e cose fatte, impaginate staticamente su Word.

Così, giorno dopo giorno, migliaia di curricula vanno ad intasare le scrivanie e i pc dei selezionatori del personale. Ha senso? Probabilmente sì, ma di sicuro si può fare di meglio. Molto di meglio. Ad esempio, si potrebbe scrivere un curriculum creativo, che colpisca davvero nel segno.

Curriculum vitae creativo? Una buona idea per distinguersi (senza esagerare)

Curriculum creativo, curriculum originale, curriculum particolare. Lo si può chiamare come si preferisce, il senso è chiaro: un cv “non convenzionale”, che sappia farsi notare, perso in mezzo ad un mare di “modelli europei”. Ne esistono di 3 tipi:

  • Curriculum grafico o infografico;
  • Curriculum web;
  • Curriculum

Prima di passare ad analizzare ciascuna tipologia nel dettaglio, è bene soffermarsi su alcune regole generali, che bisogna tenere a mente prima di fare un curriculum creativo.

A chi serve un curriculum creativo

La domanda principale da porsi è: ho bisogno di un curriculum creativo? La risposta non è affatto scontata. Un cv originale è sempre bello da esibire, ma non è adatto a tutti i contesti. Quando si scrive un cv bisogna pensare all’obiettivo: trovare lavoro. La creatività deve essere un mezzo, non un’ossessione, e bisogna saperla dosare.

Ad esempio, se ci si vuole proporre come grafico ad un’agenzia di comunicazione, ha senso spingere molto sull’acceleratore e osare con i colori e con i formati. Se invece la posizione per cui ci si candida è quelli tecnico di laboratorio in un centro di analisi, un cv più classico potrebbe essere la scelta ideale.

Conoscere le proprie potenzialità con il Bilancio di Competenze

Qualche consiglio per creare dei cv particolari

La scrittura di un cv è sempre un passaggio delicato. Ci si interroga a lungo su cosa metterci dentro, sul linguaggio da utilizzare, sulla lunghezza. Interrogativi che si moltiplicano davanti alla creazione di un cv originale. In realtà, le cose su cui concentrarsi sono sempre e soltanto due:

  • A chi sto parlando;
  • Cosa voglio dire.

A chi arriverà il tuo curriculum vitae?

Il curriculum ha un destinatario: l’azienda. Meglio ancora se lo si identifica con una persona: il responsabile della selezione del personale (o il manager, o il titolare dello studio, ecc). È a questo destinatario che bisogna parlare. Per riuscirci bisogna conoscerlo, cercando di capire cosa vuole dal suo futuro dipendente o collaboratore, di cosa ha bisogno.

Un buon curriculum vitae funziona se è personalizzato anche e soprattutto dal lato del destinatario. Per questo può essere un’ottima pratica quella di ritoccarlo leggermente prima di ogni invio, rendendolo davvero “su misura”.

Cosa vuoi raccontare nel tuo curriculum?

Una volta compreso chi si ha di fronte si deve passare ad analizzare il proprio percorso di studi e di lavoro per scovare i punti di forza da sfruttare per l’occasione. Spetterà poi alla creatività metterli in evidenza, farli emergere. Un curriculum personalizzato deve puntare proprio a questo: mettere in evidenza con fantasia le carte vincenti.

Creare un cv originale: modelli, tipologie e strumenti

È arrivato al momento di entrare nel dettaglio, di analizzare una alla volta le diverse tipologie di cv creativo per capire come realizzare e con quali strumenti.

Curriculum grafico o infografico

Il curriculum grafico è il primo step della creatività: colori, immagini, decorazioni, forme. Può assumere diverse sfumature di originalità: dalla semplice cornice che inquadra uno schema classico, a una vera e propria infografica che racconta la persona a 360 gradi. La realizzazione è semplice, non serve un amico grafico.

Anche il caro e vecchio Word può tornare molto utile per l’occasione. Infatti, nelle ultime versioni dello storico programma di scrittura web targato Microsoft, tra i modelli di lavoro sono state inserite anche diverse varianti di curriculum vitae.

Per iniziare a scrivere il proprio cv creativo con Word basta cliccare su Nuovo e selezionare il template che più si avvicina al proprio gusto (molti altri sono disponibili con la ricerca online). Il programma dà poi l’opportunità di modificare i colori, gli ingombri, la posizione dei blocchi, eccetera.

Creare curriculum con word

Un altro abile alleato nella creazione del proprio cv originale può essere Canva, utilizzabile direttamente online. Sotto la voce di menu “Modelli” si trova la sezione dedicata ai Curricula, molto ricca di template con diversi livelli di creatività. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Anche in questo caso, la possibilità di personalizzare ulteriormente il format scelto è ampia, pescando sia elementi gratuiti che a pagamento (qui la guida Canva).

La naturale evoluzione del curriculum grafico è la contaminazione tra questo e l’infografica, strumento ormai molto utilizzato nel mondo dei contenuti web. L’intreccio tra parole, forme e numeri, tipo delle infografiche, può essere sfruttato al meglio anche per raccontare sé stessi ad un potenziale datore di lavoro. La resa estetica è ancora più di impatto (qui qualche esempio).  Canva può essere d’aiuto anche per la realizzazione del curriculum con infografica, avendo una sezione dedicata.

Creare curriculum creativo su canva

Curriculum video

Se il mondo digitale è ormai dominato dai video (dirette Instagram, dirette Facebook, clip di Youtube), perché non sfruttare questo formato anche per fare un curriculum creativo? La tendenza già esiste da tempo e va consolidandosi, alimentata dalle videocamere degli smartphone, sempre più avanzate e dettagliate.

Il video curriculum, però, è una cosa seria, può venire molto bene come molto male, bisogna stare attenti ai particolari. Ecco qualche suggerimento per orientarsi:

  • Decidere precisamente cosa dire, concentrandosi sulla chiarezza e senza eccedere: poche informazioni, concise e dirette all’obiettivo (i punti di forza);
  • Curare l’inquadratura: mezzobusto, sfondo neutro, location ordinata (ma non vuota), luci non troppo “sparate”;
  • Curare il look: semplice e “professionale”, proprio come se fosse un colloquio di persona.

Per registrare un cv video non servono complesse cineprese, basta un telefonino con buona risoluzione. Per l’editing e il montaggio, poi, si possono usare software gratuiti e pratici (qui un elenco molto curato).

Curriculum web

Passando a parlare di web curriculum (o curriculum interattivo) il livello di difficoltà si alza, così come l’efficacia. Il curriculum web può assumere diverse forme, dalle più classiche (un sito web dedicato, magari con una sola pagina) a quelle più innovative (un videogioco).

Lo spazio per la creatività è massimo, però è probabile che sia necessario farsi aiutare da una persona più esperta, magari mettendo in conto un piccolo investimento. In questo ambito, il lavoro di Robby Leonardi ha fatto scuola ed è sempre un valido esempio a cui guardare.

Cv creativo Robby Leonardi