La salute: nuova disciplina che accompagnerà tutto il percorso di formazione degli studenti

No Comments
Tempo di lettura: 1 minuto

 

Tra le novità della scuola, il documento “Indirizzi di policy integrate per la Scuola che Promuove Salute”, predisposto e siglato dal Ministro della salute Giulia Grillo e dal Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e da poco approvato dalla Conferenza Stato-Regioni.

Tale documento attesta che la salute diventerà materia di studio durante l’intero percorso formativo degli studenti, dall’asilo alla scuola secondaria, entrando di diritto a far parte della programmazione didattica.

 

La salute: un percorso di educazione trasversale a tutte le discipline

Secondo quanto riportato dal protocollo d’intesa, “Ragazzi e ragazze in buona salute imparano meglio. Allo stesso tempo, se sono inseriti in un processo di apprendimento positivo hanno migliori opportunità di salute”.

Coerentemente con quanto riportato nel protocollo sulla salute di tre anni fa, nelle scuole di ogni ordine e grado la salute dovrà essere “un percorso di educazione trasversale a tutte le discipline, superando le barriere tra le discipline stesse”.

 

Un fil rouge lungo tutto il percorso di formazione dello studente

La finalità è quella di inserire la promozione della salute fisica e psicologica nel piano didattico, fin dalle prime fasi educative.

Insegnanti e alunni, insieme, analizzeranno e affronteranno tematiche quali la salute fisica e mentale, le dipendenze tra i giovani, l’inclusione degli studenti con sindrome dello spettro autistico, l’educazione alla sessualità e la prevenzione delle malattie, la promozione di corretti stili di vita.

 

Promuovere la cultura della salute e del benessere nell’ambiente scolastico

Prevenire forme di disturbo e di malessere fisico e psicologico, avviare percorsi di formazione per insegnanti, famiglie e studenti per affrontare in maniera adeguata tematiche inerenti i corretti stili di vita e la prevenzione di quei comportamenti che possono essere rischiosi per la salute individuale e collettiva…questi gli obiettivi di questa importante azione promossa dai Ministeri della Salute e dell’Istruzione.

 

La Redazione