Esiti subito dopo la prova orale per i Dirigenti scolastici

No Comments
Tempo di lettura: 1 minuto

 

Concorso Dirigenti scolastici: coloro i quali supereranno la prova orale riceveranno prima di tutto un’assunzione e solo dopo saranno ammessi a frequentare il corso di formazione dedicato a questa figura.

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre, infatti, il decreto semplificazioni per il reclutamento dei dirigenti scolastici.

La modifica ha delle finalità molto chiare: innanzitutto i dirigenti potranno essere in servizio già dal 1° settembre 2019 e inoltre è previsto un risparmio economico conseguente l’abolizione del semi-esonero previsto per frequentare il corso di formazione.

Queste novità modificheranno non di poco le risorse risparmiate. Si parla infatti di cifre che si aggirano intorno agli 8,26 milioni di euro annui che potranno essere dunque destinati alle assunzioni del personale.

Ma le novità non finiscono qui! Le informazioni riportate non sono definitive, ma è ormai da tempo che si ambisce ad un’equiparazione contrattuale, economica e giuridica dei dirigenti scolastici con tutti gli altri dirigenti della Pubblica Amministrazione.

Il contratto prevedrebbe, a partire dal 2020, un aumento di circa 540 euro al mese e dovrebbero essere intorno a 7.450 i lavoratori interessati al rinnovo del contratto.

Sono previsti inoltre provvedimenti per tutelare dirigenti con gravi patologie che necessitino di terapie salvavita e donne vittime di violenza. 

Gli aspiranti Dirigenti scolastici sono momentaneamente in attesa degli esiti della prova scritta del 18 ottobre 2018. Il voto minimo per il superamento di essa è di 70 punti. Ancora nessuna notizia definitiva in merito alla pubblicazione degli elenchi dei candidati ammessi a sostenere la prova orale, ma il calendario sarà reso pubblico almeno venti giorni prima del suo svolgimento.

 

La Redazione