Concorso docenti per infanzia e primaria, tutto quello che c’è da sapere

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Ministro dell’Istruzione ha confermato l’imminente pubblicazione del bando di concorso ordinario per gli insegnati di scuola dell’infanzia e scuola primaria. Saranno circa 16.000 i posti disponibili, assegnati sulla base di una procedura per titoli ed esami. Vediamo quali sono i requisiti richiesti e le modalità di concorso.

In arrivo il concorso per infanzia e primaria 2019

Il 2019 sarò un anno importante per il mondo italiano dell’istruzione. In programma, infatti, ci sono diversi concorsi, che complessivamente interesseranno le scuole di ogni ordine e grado. Il primo in lista d’attesa è quello per i docenti di infanzia e primaria. Per ora si sa con certezza che sarà una procedura per titoli ed esami e che i posti messi a bando saranno circa 16.000, divisi tra posti comuni e posti di sostegno (nessun dettaglio, però, sulla ripartizione nelle diverse regioni). Le relative immissioni in ruolo partiranno da settembre 2020.

Concorso ordinario scuola secondaria | La guida completa

Maestra con bambiniI requisiti per partecipare al concorso

Per quanto riguarda i requisiti richiesti per poter partecipare al concorso, non è necessaria alcuna anzianità di servizio, ma solo il possesso di determinati titoli di studio, uguali per infanzia e primaria. In particolare, è possibile accedere con:

  • Diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002;
  • Diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito presso un istituto magistrale, entro l’anno scolastico 2001/2002;
  • Laurea in scienze della formazione.

Sono ammessi a partecipare anche coloro che hanno conseguito all’estero titoli analoghi, riconosciuti in Italia.

Per i posti di sostegno, invece, come ulteriore requisito, è richiesta la relativa specializzazione.

Modalità di concorso: preselettiva, prova scritta e prova orale

Il bando di concorso per la scuola primaria e per la scuola dell’infanzia ancora non è stato pubblicato, il suo arrivo è previsto entro maggio. Sulla base della bozza già in circolazione, però, si sa che sarà per titoli ed esami e le prove saranno almeno due, una scritta e una orale. A queste si aggiungerò un’eventuale prova preselettiva, qualora le domande che verranno presentate saranno più del triplo dei posti disponibili.