Carta del docente, tutte le istruzioni per spendere il buono insegnanti

Tempo di lettura: 2 minuti

Tramite la Carta del Docente, gli insegnati di ruolo possono spendere in modo semplice e veloce il bonus annuale da 500 euro riconosciutogli dalla riforma della Buona Scuola. Asnor ha preparato una pratica guida per rispondere alle domande principali sul funzionamento della Carta.

Novità e aggiornamenti sul bonus 500 euro docenti

A partire dal 13 settembre 2019 la Carta del Docente è di nuovo attiva. Quindi è nuovamente possibile creare, stampare e spendere i relativi buoni.

Cos’è la Carta del Docente, il bonus da 500 euro per tutti gli insegnanti

Istituita nel 2016, all’interno della legge sulla Buona Scuola, e già confermata anche per il prossimo anno, la Carta del Docente è un bonus annuale di 500 euro, riconosciuto ai docenti di ruolo e spendibile in attività connesse con la formazione e l’aggiornamento professionali. Da un punto di vista pratico è una semplice e agevole carta elettronica, non contenuta in supporti fisici, ma gestibile esclusivamente online tramite il sito dedicato.

A chi spetta il Bonus insegnati?

Come detto, la carta del docente è riconosciuta solo agli insegnanti di ruolo, assunti a tempo indeterminato e impiegati in una scuola pubblica, sia full time che part time. Ne hanno diritto anche i docenti che si trovano in condizioni particolari: prova, formazione, inidoneità per motivi di salute, posizione di comando, distacco, fuori ruolo, scuole all’estero e scuole militari.

Come si possono spendere i 500 euro del bonus docenti?

La funzione principale per cui è stata pensata la Carta Docenti è finanziare le attività di formazione e aggiornamento che gli insegnanti sostengono periodicamente. Per questo motivo, i 500 euro annuali di bonus possono essere spesi solo per acquistare determinati beni e servizi. Vi rientrano, ad esempio, tutti i libri e le pubblicazioni, sia in formato cartaceo che digitale, così come alcuni dispositivi tecnologici (pc e tablet su tutti) e relativi software. Spazio, inoltre, a tutte le iniziative a carattere culturale: dal teatro al cinema, dai musei agli spettacoli dal vivo, per finire con corsi di laurea, master e percorsi di aggiornamento.

I corsi Asnor che si trovano nell’area formazione sono tutti acquistabili con Carta Docente

Entro quando va speso il buono

La Carta Docente viene ricaricata annualmente e l’importo va speso entro un massimo di 24 mesi. Infatti, il residuo dell’anno scolastico 2017/2018, caricato a settembre 2017, è stato annullato il 31 agosto 2019.

Attivazione e utilizzo della Carta

La Carta del Docente è completamente digitale. Per ottenerla e utilizzarla bisogna accedere al sito cartadeldocente.istruzione.it. La registrazione, però, è attualmente possibile solo attraverso il sistema di identità digitale SPID. Una volta entrati nella propria area si può controllare in tempo reale l’importo disponibile, vedere ciò che si è già speso e creare un buono per procedere a un nuovo acquisto.

Come creare un buono

Per poter acquistare un bene o un servizio, fisicamente o online, utilizzando la Carta del Docente è necessario generare, tramite il portale, il buono con il relativo importo. A ciascun buono è associato un codice che va presentato all’esercente. La procedura è molto semplice e ben illustrata in questo video. È bene sottolineare che il buono generato può avere qualsiasi importo, ovviamente nei limiti della disponibilità residua che si ha.

Come annullare un buono

I buoni generati con la Carta del Docente vengono effettivamente scalati dalla disponibilità solo quando l’esercente li valida. Fino a quel momento, quindi, è sempre possibile annullarli senza perdere l’importo.

Tutte le FAQ ufficiali sulla Carta del Docente