L’Orientamento è un settore di attività in pieno sviluppo: in un mercato del lavoro dove la ricerca di opportunità di impiego e le scelte professionali sono sempre più complesse, è necessario il supporto di orientatori preparati e competenti. Specializzarsi nell’orientamento incrementa la qualificazione e arricchisce la formazione per chi opera nel campo delle Risorse Umane.

L’Orientamento è una consulenza  che  consiste in un insieme di attività volte a sostenere le persone che devono maturare scelte importanti in momenti di transizione o difficoltà; quindi ad attuare tali scelte, sul piano educativo, professionale e relazionale, grazie a un percorso di accompagnamento lungo tutto l’arco della vita.

L’Orientamento riguarda sia l’educazione, quindi la scelta di percorsi di istruzione e formazione, sia l’educazione alle opportunità professionali, finalizzata alla conoscenza, anche diretta, del mondo del lavoro.

Tale supporto vede l’orientatore impegnato nell’offrire:

  • Informazioni circa le opportunità formative, dati sul mercato del lavoro, occupazioni e percorsi di carriera;
  • Sostegno orientativo, accompagnamento della persona nel progettare e pianificare il proprio progetto formativo e/o professionale;
  • Counseling orientativo, dove l’operatore, con la finalità di attivare un processo di auto-emancipazione, offre all’utente un sostegno anche di tipo psicologico, permettendogli di rafforzare, sviluppare e mettere in pratica le proprie competenze.

L’Orientatore fornisce assistenza, suggerimenti, e consigli alla persona, aiutandola a individuare le scelte più coerenti con le sue attitudini, competenze e motivazioni. Sarà impegnato in attività di accoglienza, consulenza informativa, colloqui, bilanci di competenze, azioni di formazione orientativa, definizione del progetto personale-professionale, accompagnamento alla ricerca attiva e all’inserimento lavorativo.

L’Orientatore aiuta l’utente a identificare e raggiungere obiettivi professionali, così da migliorare la propria spendibilità e superare eventuali difficoltà del percorso.

Pertanto l’orientatore adatta il training alle esigenze contestuali e personali dell’utente, analizzando le sue capacità e aspirazioni, le possibilità esistenti, formative o professionali, e stilando un progetto per portare a termine gli obiettivi identificati.

Nello specifico organizza informazioni e strumenti, selezionando quelli più idonei per rispondere alle esigenze dei beneficiari:

  • progetta servizi e interventi su persone, in base alla lettura del mercato del lavoro e ai possibili destinatari degli interventi definisce percorsi orientativi;
  • sviluppa percorsi di bilancio di competenze, per comprendere ed evidenziare le aree di forza e di miglioramento in termini di conoscenze, capacità e attitudini trasversali;
  • eroga l’intervento orientativo, a seconda dei destinatari e delle loro esigenze, eroga informazioni, percorsi di formazione, consulenza, accompagnamento al lavoro;
  • eroga informazioni, accompagnando al reperimento delle fonti;
  • eroga percorsi di formazione orientativa, volti al rafforzamento delle competenze individuali;
  • realizza percorsi di consulenza orientativa, a sostegno di scelte formative e professionali attraverso percorsi individuali o di gruppo utilizzando le metodologie e gli strumenti orientativi più idonei;
  • accompagna all’inserimento lavorativo, attraverso il supporto nella ricerca attiva del lavoro;
  • valuta, mediante questionari e colloqui verifica il grado di efficacia dell’intervento orientativo.